05.10.2021

Simposio SNE 1-2 ottobre 2021: Salute Emancipata

  • Da sinistra a destra: Yvonne Gilli, Rolf Dobelli, Fabienne Gigandet, Reto Flury, David Staudenmann
  • Rolf Dobelli, autore del bestseller "L'arte di vivere semplice"
  • Benvenuto da Stefan Kaufmann, Presidente della Fondazione SNE | © Patrik Hänggi
  • Dr Berit Hippe, HealthBioCare, Vienna | © Patrik Hänggi
  • Prof. Dr. med. Burkhard Schütz, Limburg | © Patrik Hänggi
  • Prof. Dr. med. Tobias Esch, Università Witten Herdecke
  • Pausa di attività fisica per la salute
  • Dr. med. Kurt Mosetter, ZiT, Costanza e Consiglio della Fondazione SNE | © Patrik Hänggi
  • Rolf Dobelli | © Patrik Hänggi
  • © Patrik Hänggi
  • Premio Promozione SNE 2021: teatime.care di Serkan Yavuz | © Patrik Hänggi
  • Daniel Miesch, Biosuisse e FNP Architekten AG, Basilea | © Patrik Hänggi
  • Daniel Miesch, Biosuisse e FNP Architekten AG, Basilea | © Patrik Hänggi
  • Scambio professionale nel mezzo | © Patrik Hänggi
Che si tratti della collezione di strumenti mentali di Rolf Dobelli, di un'applicazione informatica per insegnanti o della ricerca di tracce di impronte prenatali: l'approccio olistico biopsicosociale non si concentra sulla salute normativa, ma piuttosto sul "medico interno".

Circa 300 persone sono state ospiti della Fondazione per la medicina naturale ed empirica (Stiftung für Naturheilkunde und Erfahrungsmedizin SNE) nei due giorni del simposio nel Landhaus di Soletta per conoscere meglio i concetti della medicina complementare. Il fatto che questi concetti possano essere molto diversi è stato dimostrato dal numero di relatori di alto livello, che provenivano principalmente dalla regione DACH. 

L'interno dell'essere umano

Al simposio della SNE, la questione se e fino a che punto l'io interiore dell'essere umano sia uno specchio del suo ambiente è stata esplorata da diversi ambiti professionali. Sullo sfondo del coronavirus, questa sembra una domanda retorica. Una ragione in più per essere curiosi della tavola rotonda del 2 ottobre: Moderati da David Staudenmann, santémedia, Yvonne Gilli, presidente dell'Associazione Medica Svizzera (FMH), Fabienne Gigandet, co-presidente di Omeopatia Svizzera, Reto Flury, direttore esecutivo dell'EGK, e il noto autore Rolf Dobelli hanno discusso di ciò che è importante per sopravvivere con resilienza all'attuale periodo di difficoltà. Dobelli in particolare, che si definisce uno "stoico", ha parlato di un'astinenza consapevole e autoregolata dalle emozioni tossiche per condurre una "buona vita". Yvonne Gilli, che consapevolmente cerca forza e resilienza nella natura e nelle amicizie perché una crisi "accentua sempre il buono e il cattivo", ha suonato una nota simile.

« Buone vibrazioni »

Infine, è emerso che l'autoregolazione è molto più importante della "salute normativa" (Tobias Esch, Università di Witten Herd-ecke). Esch ha sottolineato che si tratta di diventare "l'esperto della propria vita". E questo, secondo la conclusione del premio SNE di quest'anno, può accadere con l'aiuto di un'applicazione digitale come teatime.care, che (per il momento) è rivolta agli insegnanti, che sono ancora più sollecitati in tempi di tensione. Ma questo può anche essere sostenuto con una costruzione (di uffici) ecologica e l'uso di materiali naturali, come dimostrato dalla sede EGK a Laufen, e - secondo Reto Flury - porta a buone vibrazioni.  

Ti sei perso le presentazioni e il podio del Simposio 2021? Dal 15 ottobre 2021, saranno disponibili online per tre mesi sulla piattaforma "Markt-Platz"